Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 26 settembre 2016

Al via il 35esimo corso per formare volontari Avo, sempre accanto ai malati

| Novara Città NOVARA, Nuovo corso, il 35esimo, per formare i futuri volontari dell’Avo Novara, l’Associazione volontari ospedalieri, presente in città dal lontano 1980.Il nuovo corso dei camici azzurri inizierà il 15 ottobre alle 15.30 nell’Aula Magna dell’ospedale Maggiore della Carità di Novara. E’ aperto a tutte le persone di età compresa tra i 18 e gli 80 anni.L’Avo Novara è un'associazione di volontari che operano nelle strutture ospedaliere e nelle case di riposo di Novara. Essi dedicano gratuitamente parte del loro tempo al servizio dei degenti e degli anziani, assicurando una presenza amichevole e offrendo agli ammalati calore umano, dialogo, ascolto ed aiuto.L’Avo è un semplice ma concreto segno di solidarietà e un contributo al bene comune. L’associazione, presieduta da Danila Finzi, svolge oggi la sua opera con circa 200 volontari presso l’Azienda Ospedaliero Universitaria “Maggiore della Carità” di Novara, l’Ospedale San Rocco di Galliate, la R.S.A. di Casalbeltrame e, per il servizio di lettura ad alta voce, anche presso la Pia Casa della Divina Provvidenza, l’Istituto De Pagave di Novara e la Casa di Giorno “Don Aldo Mercoli”.In Italia le Avo, che aderiscono a Federavo, sono 246, operano in più di 400 ospedali e case di riposo, con oltre 25.000 volontari e 3 milioni di ore gratuite prestate ogni anno.Ogni anno Avo Novara organizza inoltre  corsi di aggiornamento, finalizzati ad aiutare i volontari che già operano ad incrementare le proprie capacità nello svolgere il servizio; seminari di formazione, in collaborazione con gli operatori sanitari, rivolti ai volontari che prestano servizio in reparti in cui la complessità delle patologie necessita di maggior preparazione. E’ possibile iscriversi al corso, che è gratuito,  presso le segreterie Avo negli orari sottoindicati oppure il giorno stesso dell’inizio del corso. Segreteria principale:Via San Gaudenzio, 11 - Novara - tel. 0321 1816911e mail: : info@avonovara.it – sito web: www.avonovara.itOrario di apertura: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 10 alle 12Segreteria presso l’Azienda Ospedaliero Universitaria “Maggiore della Carità”Corso Mazzini, 18 - Novara - tel. 0321 3733465Orario di apertura: dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 12Avo Novara è presente anche su Facebook.mo.c.

Un operaio originario di Napoli la vittima dell’infortunio mortale in corso della Vittoria

| Cronaca NOVARA, Sono in corso le indagini dello Spresal, il Servizio prevenzione e sicurezza ambienti lavoro dell’Asl Novara, per ricostruire l’esatta dinamica dell’infortunio mortale sul lavoro avvenuto nella tarda mattinata di oggi, lunedì 26 settembre, nel cantiere che, in fondo a corso della Vittoria, nella zona di Veveri, si sta occupando dell’ampliamento dell’autostrada A4 Torino-Milano.L’incidente si è registrato intorno alle 12. Vittima del sinistro un operaio di una cinquantina d’anni, originario della Campania, precisamente di Napoli, che, a quanto risulta, sarebbe stato al suo primo giorno di lavoro nel cantiere. Pare lavorasse per una delle imprese impegnata nei lavori. Sarebbe rimasto incastrato tra una gru e una parete, ma l’incidente, come anticipato, è in fase di ricostruzione. Sul posto il personale del 118, un’auto della Polizia e la Scientifica.mo.c.

Tanti novaresi al “Faraggiana Day” (FOTOGALLERY)

| Novara Città NOVARA - Sono tanti i novaresi che nel weekend hanno visitato il Nuovo Teatro Faraggiana, che ha riaperto le porte al pubblico a meno di un mese dall’avvio della prima stagione di spettacoli dopo oltre sedici anni di chiusura. Due open day, quelli di sabato e domenica, anche per far conoscere il programma artistico del teatro e dare la possibilità sostenerne l’attività con un contributo minimo di 10 euro (per diventare sostenitore semplice, chi volesse contribuire dai 100 euro in su è sostenitore benemerito). I sostenitori hanno una serie di agevolazioni come la prenotazione degli abbonamenti della stagione una settimana prima dell’apertura delle vendite al pubblico, e un numero telefonico dedicato per informazioni e prenotazioni degli spettacoli. Al Teatro abbiamo parlato con una dei fondatori della Fondazione Nuovo Teatro Faraggiana (che si è aggiudicata la gestione della struttura, presidente è il regista Vanni Vallino), l’architetto Antonella Ferrari di Novara Cine Festival: “Abbiamo ancora da svolgere alcune operazioni tecniche come l’agibilità – ci ha spiegato – ma siamo a buon punto. Anche il telo per il cinema e il sistema di proiezione sono stati installati, il palcoscenico è stato trattato. Manca solo la biglietteria, ma abbiamo intenzione di installare all’entrata anche un grande tavolo con un tappeto facilmente accessibile a tutti anche ai disabili e ai più piccoli. Pensiamo comunque al foyer come a uno spazio da utilizzare per altri momenti come incontri o mostre”. La stagione teatrale e musicale sarà inaugurata venerdì 21 ottobre alle ore 21 dallo spettacolo di e con Lucilla Giagnoni (che è direttore artistico del teatro) accompagnata dall’Orchestra giovanile Dedalo. E poi una serie di proposte (19 per la precisione) di cui 5 concerti fino al 21 aprile 2017: si spazia da Marco Paolini a Natalino Balasso, dal jazz di Simona Bencini al Mozart secondo la Banda Osiris. Anche il sindaco Alessandro Canelli, che ricordiamo detiene anche la delega alla Cultura, ha visitato il Teatro nel weekend: “Questa due giorni è un’ottima iniziativa – ci ha detto – I cittadini possono così toccare con mano una realtà importante che viene restituita alla città. E’ un progetto serio che spero possa consentire a tante realtà culturali novaresi di potersi esprimere in un’ottica policromica e sprigionare così le loro idee e i loro talenti”. Per informazioni si può visitare il sito www.teatrofaraggiana.it o telefonare al numero 0321 1581721 (biglietteria telefonica tel. 199 208002, numero attivo dal 15 ottobre tutti i giorni dalle 10 alle 21). Valentina Sarmenghi 

Mattarella saluta i 150 del canale Cavour

| Cronaca Torna nel Vercellese dopo soli cinque mesi il Capo dello Stato Sergio Mattarella. E lo fa in occasione della commemorazione dei 150 di costruzione del Canale Cavour.Matterella giunge a Vercelli dopo esser stato a Torino, dove ha conferito al gonfalone della Regione la medaglia d’oro al merito civile.  E' gremito il Teatro Civico della città, così come le strade e le piazze dei dintorni: anche questa volta la gente non ha voluto mancare nel dimostrare affetto e riconoscimento alla più alta carica dello Stato, anche solo con una stretta di mano. La giornata vercellese di Mattarella è iniziata verso le 10 con la visita privata nella sede dell’Ovest Sesia a Palazzo Pasta, poi il trasferimento in piazza Cavour per l’omaggio floreale al monumento del Conte Camillo Benso e, infine, a piedi verso il Teatro Civico dove si è tenuta la cerimonia ufficiale di commemorazione dei 150 anni di costruzione del Canale Cavour. Il protocollo del Quirinale ha previsto l’accoglienza al Civico sulle note dell’inno di Mameli cantato dai giovani studenti vercellesi e poi, dopo un paio di video riassuntivi della storia del Canale, gli interventi degli oratori: il sindaco di Vercelli Maura Forte, il governatore della Regione Piemonte Sergio Chiamparino, il presidente dell’Ovest Sesia Ottavio Mezza e il direttore delle coutenze del Canale Cavour Roberto Isola. Poi l’interessante contributo di Piero Angela, conduttore televisivo originario di San Germano Vercellese che, con la consueta abilità, ha tratteggiato l’epopea di questa parte di terra piemontese nell’800: «Una specie di Far West italiano in cui la “frontiera” è stata la conquista e la coltivazione della terra anche grazie a una rete di canali eccezionale, una rete attraversata dal Canale Cavour costruito in un’Italia appena diventa unita». Ultimo a parlare prima del Presidente, il ministro delle politiche agricole Maurizio Martina. Anche Mattarella, nel suo intervento, non ha mancato di riprendere l’alto valore storico dell’opera idraulica che oggi compie 150 anni, ma ancorandolo alla voglia di futuro: «L’orgoglio di quegli anni deve tradursi in rinnovato impegno che parta, magari, anche dal recupero di luoghi come la tenuta di Leri così cara a Cavour. Che il coraggio dei nostri avi ci possa dare fiducia e forza per il nostro futuro». Numerose le presenze delle autorità novaresi: c'erano, tra gli altri, il sindaco di Novara Alessandro Canelli, il presidente della Provincia Matteo Besozzi, la senatrice Elena Ferrara, il deputato Giovanni Falcone. Paolo Usellini

Motocross delle Nazioni, è tornata “la storia” a Maggiora

| Spettacoli e cultura MAGGIORA - Era l’appuntamento più atteso, perché a Maggiora il Motocross delle Nazioni tornava dopo trent’anni dall’ultima edizione con Tony Cairoli di nuovo in pista. L’infortunio della passata stagione lo aveva infatti costretto ad alzare bandiera bianca. Una sfida ad alto coefficiente di difficoltà per la Nazionale azzurra, dove la Francia aveva tutti i favori del pronostico. Alla fine i transalpini non hanno tradito, conquistando uno storico successo. I nostri azzurri, capitanati da Tony Cairoli, hanno stretto i denti, ottenendo un prezioso quinto posto davanti ai 50 mila del Mottaccio del Balmone. L’aveva detto il siciliano: «La top five è l’obiettivo», la promessa è stata mantenuta. Non si è risparmiato il pilota di Patti, dopo un sabato pomeriggio che lo ha visto terminare in qualifica alle spalle di Febvre. La prestazione dell’alfiere KTM è stata confermata anche in gara, dove si è imposto nella categoria MXGP, grazie al doppio secondo posto. Gli azzurri hanno però sofferto nella classe MX2 ed Open, troppa la superiorità degli avversari per Davide Cervellin e Samuele Bernardini. Il podio è quindi sfumato per otto punti. Per quanto riguarda le posizioni di testa è stato un finale al cardiopalma. Gli Stati Uniti avevano in tasca la vittoria, ma la caduta dell’americano Cooper Weeb al penultimo giro ha lasciato strada aperta alla Francia, che con un super Romain Febvre ne ha approfittato per regalare ai transalpini il successo. Una doccia gelata invece per l’America, relegata sul gradino più basso del podio dall’Olanda. Quarto invece il Belgio. Archiviato l’appuntamento con il Nazioni, il prossimo weekend i motori saranno nuovamente protagonisti al Mottaccio del Balmone. Sabato e domenica andrà in scena il Red Bull MX Superchampions, che vedrà al via ben 400 piloti provenienti da ogni Regione. Riccardo GuglielmettiLeggi di più sul Corriere di Novara di lunedì 26 settembre 2016

«Tangenziale, nel 2017 parte il cantiere»

| Cronaca NOVARA - I cantieri del penultimo lotto della tangenziale di Novara, quello che collegherà la statale per il Lago Maggiore con la Strada provinciale per il lago d’Orta e alla provinciale per la Valsesia partiranno entro la fine del 2017. Formalmente si tratta dei lotto 0 e 1. L’annuncio arriva dal sindaco di Novara Alessandro Canelli che sollecitato dal Corriere di Novara, ha contattato il responsabile del Compartimento Anas del Piemonte, in merito a voci diffusesi che ipotizzavano fossero scaduti i termini per l’avvio dell’opera con conseguente perdita dei finanziamenti. «Chi ha messo in giro certe voci fuori controllo fa solo confusione. Ho voluto fare chiarezza sull’argomento che sta a cuore a tutti i cittadini novaresi. Il bando di aggiudicazione dei lavori era stato emesso -  ha spiegato Canelli – vi sono stati piccoli ritardi la scorsa primavera perché, essendo entrato in vigore il nuovo codice per gli appalti si è dovuto aggiornare la documentazione. Il bando è scaduto e ora si stanno valutando le offerte pervenute». Quando si saprà quale ditta ha vinto?«L’aggiudicazione dovrebbe avvenire entro la fine del 2016, nei prossimi mesi. Il progetto esecutivo, una volta avvenuta l’aggiudicazione, entrerà nella fase finale e entro la fine del prossimo anno si darà via ai lavori».L’opera non  completerà l’anello della tangenziale, perchè manca ancora il lotto 2, quello che dalla strada per la Valsesia si congiunge alla Regionale per Vercelli, il lotto più impegnativo e costoso, ma sicuramente permetterà di dare una risposta importante al problema del traffico cittadino di attraversamento, contribuendo a risolvere il problema dell’inquinamento. Massimo DelzoppoLeggi di più sul Corriere di Novara di lunedì 26 settembre 2016

Le associazioni del Bene in piazza con “Il bene moltiplica il bene”

| Novara Città NOVARA, Un’intera giornata per ringraziare chi, durante l’anno, ogni giorno dell’anno, dedica il proprio tempo a chi è meno fortunato, a chi vive nelle difficoltà e nel disagio, spesso anteponendo questo impegno anche a se stesso, alla famiglia. Tutto questo è stato, sabato, la quarta edizione de “Bene in piazza”, manifestazione che ha portato nelle vie del centro, via Rosselli, piazza Martiri e piazza Puccini, il mondo del volontariato novarese e non solo. Ben 86 le realtà presenti e che, per tutta la giornata, hanno potuto farsi conoscere dai novaresi, illustrando obiettivi, attività e iniziative in corso. L’avvio dell’evento, in mattinata, con l’inaugurazione alla presenza delle autorità. Un’iniziativa promossa come sempre dalla Fondazione Banca popolare di Novara per il territorio e dalla BpN con il Cst (l’ex Centro servizio per il volontariato, che da qualche anno raduna Novara e Vco, raccogliendo quasi 700 associazioni del Bene). “Un’iniziativa promossa anche quest’anno per dire il nostro grazie a chi si impegna a favore dell’altro”, ha esordito Franco Zanetta, presidente Fondazione BpN. Slogan della giornata, “Il Bene moltiplica il Bene”. Molte le autorità presenti, tra cui il sindaco Alessandro Canelli, l’assessore Federico Perugini, l’assessore regionale Augusto Ferrari. Daniele Giaime, presidente del Cst e anche dell’Ambulanza del Vergante: “Obiettivo del nostro centro essere collettore delle molteplici iniziative portate avanti dalle associazioni, che accompagniamo con servizi e progetti nella loro crescita”. Come sempre c’è stato un palco centrale, all’altezza del monumento nella zona di piazza Puccini, denominato “Lo spazio del Bene”, dove sono state via via presentate le associazioni, intervistate dalla giornalista Giusy Trimboli. Da qui anche la diretta radio e momenti di intrattenimento. Moltissime e con tante curiosità le associazioni. Dall’Angsa all’Anvolt, dalla Caritas all’Avo, dall’associazione Bruna Delsignore ad Alice onlus all’Aism (che ricorda che nel week end dell’1 e 2 ottobre e ancora il 4 ottobre torna l’appuntamento con le mele dell’Aism). E ancora Nuares.it, Lilt (che a breve darà il via all’Ottobre Rosa), Turikumwe, Auser, Vivi la vita, Anag, Ugi, Lida, Alsp (Associazione lotta alla sofferenza psichica), Cri, Comunità di S. Egidio, Papaemammeseparationlus, Noi con loro, Aido, Volontari della Casa di Giorno don Aldo Mercoli, Anffas, Ursla, IdeaInsieme, Associazione Amici del Santa Lucia, Ama Novara. A fare la parte del leone, oltre ai gruppi dedicati alla sanità, quelli di protezione civile. Presenti, tra gli altri, la Cb Scorpion del presidente Sandro Bertona, l’Anpas Novara Soccorso, il Corpo italiano di soccorso dell’Ordine di Malta (Cisom) e molti altri. Monica Curino   Per saperne di più leggi il Corriere di Novara in edicola lunedì 26 settembre
22-06-2016
| Il rapinatore dell' MD
17-06-2016
| Bullismo: tre misure cautelari nei confronti di tre ventenni 
06-06-2016
| Rave party Granozzo
28-05-2016
| My Sweet Moon Dena 2016
26-05-2016
| Azzurro Valzer trailer
Vai alla sezione Fotogallery completa » Guarda tutti i video »
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
^ Top
"POPUP"