Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
mercoledì, 28 giugno 2017
 
 
Articolo di: domenica, 30 aprile 2017, 4:03 p.

Super Igor Volley! Sei in finale scudetto

Batte ancora Casalmaggiore con una grande prova di forza

CREMONA - Per l’Igor Novara sarà finale scudetto, la seconda della sua storia. Con una prova di forza e di carattere la squadra novarese si è imposta in 4 set alla Pomì Casalmaggiore chiudendo a proprio favore in due gare la serie di semifinale togliendola a colei che le aveva strappato lo scudetto due anni fa. La squadra di Fenoglio ha ripetuto la prestazione quasi perfetta di gara 1 e adesso andrà a sfidare la Liu Jo Modena, sorprendentemente vincitrice anche lei in due sole gare sull’Imoco Conegliano, con gara 1, lunedì 1 maggio al PalaPanini alle 18,30 e due gare successive a Novara il 3 e 5 maggio.

Rispetto a gara 1 di martedì, Fenoglio e Caprara scelgono di non modificare le formazioni iniziali; quindi Piccinini nella Igor e Lloyd nelle padrone di casa restano in panchina ma, mentre la capitana azzurra potrebbe essere della partita in corso d’opera, l’americana è presente nelle 13 a referto solo per onor di firma visto che la frattura al mignolo non si è ancora risolta. Grazie a 4 ace, due a testa di Plak e Barun nei loro turni di battuta, l’Igor prende il largo nella prima parte di primo set (5-10) a cui però risponde con la stessa moneta la Pomì che recupera con Stevanovic fino al -2 (8-10). Novara non si scompone e ancora con il duo croato-olandese tiene a distanza la squadra di Caprara che torna a -5 (10-15) che si deve mangiare i due time out discrezionali a cui fa seguire l’ingresso di Bosetti per Tirozzi. L’Igor spinge si porta (12-21) e con Pietersen da posto 4 (7 pt nel set) scava il solco decisivo che segna la frazione che mette in archivio (15-25). Nel secondo le padrone di casa grazie al servizio di Guerra si portano avanti di 2 lunghezze (4-2) ma un doppio muro di Chirichella su Bosetti permette alla Igor di portarsi a sua volta avanti (4-5). La frazione diventa equilibrata ed incandescente con le due squadre che si rincorrono vicendevolmente senza mai staccarsi però dal + o – 1 fino all’ace di Fabris ed il muro di Stevanovic su Pietersen che spacca l’equilibrio (11-9). La Pomì regge il vantaggio fino al 14-12 poi Novara, che ha in campo Piccinini subentrata a Pietersen, con Chirichella (ace sporco), Barun (attacco) e una palla out di Bosetti, mette per la prima volta nel set la testa avanti (14-15) e poi allunga a +3 (17-20) dopo la palla in rete della ex Fabris. Anche Piccinini mette il suo sigillo (3 pt) nel parziale di 1-5 in collaborazione con un muro secco di Barun su Bacchi ed un ace di Zannoni, che permette alla Igor di volar via verso lo 0-2 che conquista in 29’ con la palla a terra dalla seconda linea di Barun alla terza delle 6 palle set (20-25). Nel terzo set Novara parte lancia in resta costringendo Casalmaggiore a forzare e sbagliare; Caprara è costretto a fermare il gioco con la squadra in affanno sotto di 4 (4-8). Le azzurre non hanno pause al contrario delle casalasche che faticano a costruire ed a finalizzare gioco ed hanno nella sola Sirressi la giocatrice senza macchia. Novara ha 6 punti di vantaggio (8-14) e sembra padrona del campo ma basta un attimo di rilassamento che la Pomì torni sotto pericolosamente (12-14). Fenoglio allora chiede tempo l’Igor con il turno di battuta di Plak torna a +4 (13-17) ma la frazione non è certo finita. Infatti costano cari due errori di Chirichella perché in un battibaleno la squadra di casa si faccia pericolosa (20-20). Il suo pubblico la spinge addirittura ad aggiudicarsi il set (28-26) che riapre i giochi dopo che Novara si era giocata anche due palle match. Il quarto parziale si gioca in una bolgia; ad un primo vantaggio locale (7-5) Novara risponde con Dijkema che impatta (8-8). Piccinini, confermata da Fenoglio, mura Stevanovic per il vantaggio novarese (12-13) ma l’equilibrio continua a regnare sovrano. Dopo il 20° punto l’Igor si guadagna con l’aiuto degli errori dell’ex Fabris un triplo vantaggio (19-22) che dovrebbe dare sicurezza. E memore del set perso Barun porta Novara al match ball (20-24). Un pasticcio nel campo casalasco consegna il 20-25 della vittoria alle azzurre. 
Attilio Mercalli

Articolo di: domenica, 30 aprile 2017, 4:03 p.

Dal Territorio

Ad Oleggio è passione per la palla ovale

Ad Oleggio è passione per la palla ovale
OLEGGIO - Sono ben due le realtà che a Oleggio promuovono la disciplina sportiva della palla ovale: l’Oleggio Rugby Asd Raptors e l’Amatori Rugby Oleggio Ricci. “La vera meta è crescere con valori di lealtà sportiva e rispetto verso tutti”: così è scritto nel patto educativo dell’Oleggio Rugby Asd Raptors. Una frase che ben(...)

continua »

Altre notizie

In stato di alterazione, aggredisce la vicina: arrestata

In stato di alterazione, aggredisce la vicina: arrestata
NOVARA, Una 38enne novarese, già conosciuta dalle Forze dell’Ordine, ha aggredito verbalmente e fisicamente, martedì sera, una vicina di casa, entrando nella sua abitazione, dopo aver danneggiato una porta finestra. La donna, C.B. le sue iniziali, ha agito in stato di alterazione psicofisica dovuta verosimilmente all’assunzione di alcol e stupefacenti. La(...)

continua »

Altre notizie

Week end ricco di eventi a Novara

Week end ricco di eventi a Novara
NOVARA – Weekend ricco di eventi a Novara. Alle 10 di domani, sabato 13 maggio, è in programma l’inaugurazione della Fiera Campionaria che rimarrà allestita in viale Kennedy fino al 21 maggio. Tante e interessanti come sempre le realtà presenti: ci sarà anche il Corriere di Novara con un suo stand e tanti eventi e incontri. Sempre domani il Lions(...)

continua »

Altre notizie

Laghi: quattro vele per l’alto Verbano e Orta

Laghi: quattro vele per l’alto Verbano e Orta
Novità per la “Guida blu”, che certifica il meglio dei mari e dei laghi italiani,  realizzata da Legambiente e Touring Club italiano. Quest’anno le località marine e lacustri sono state raggruppate in comprensori turistici, e non assegnando le tradizionali vele ai singoli comuni, perché «chi va in vacanza non si ferma al confine(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top