Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
mercoledì, 21 febbraio 2018
 
 
Articolo di: venerdì, 21 aprile 2017, 12:18 p.

Processo Di Giovanni: per i difensori: “nessuna prova dei reati contestati”

Sono accusati di usura ed estorsione

NOVARA, Udienza interamente dedicata alle difese, così come sarà quella del 27 aprile, giovedì mattina, in Tribunale a Novara, al processo relativo all’operazione “Bloodsucker” (sanguisuga in lingua inglese). Un’indagine che – nel 2014 – aveva permesso di sgominare un presunto giro di usura, che partiva da soggetti residenti nel Novarese, ma che si sviluppava poi in molte altre regioni d’Italia. C’erano state vittime in Piemonte, Lazio, Veneto e Lombardia. Alla sbarra ci sono sette persone. Alla penultima udienza il pm Ciro Caramore aveva chiesto pene che vanno dai due anni e sette mesi ai 7 anni e mezzo di reclusione.A intervenire, tra i difensori, gli avvocati Alessandro Brustia, Alessandro Tambè e Barbara Grazioli. «E’ giunto il momento - ha sostenuto Tambè – di far uscire il vero. E’ l’ora di dissolvere tutto questo, che è servito solo a coprire una totale mancanza di prove. In tutto il processo si è voluto creare e mostrare un ambiente mafioso che non esiste in alcun modo». Alla sbarra, il 42enne Ignazio Di Giovanni, il 33enne Ignazio Di Giovanni, figlio di ‘Pino’ (personaggio chiave dell’inchiesta, già condannato lo scorso anno a 10 anni e 3 mesi); Angelo Migliavacca, Francesco Pirrello e Pierluigi Baglivi. Con loro a processo, per un verbale modificato e accusati quindi solo di falso, anche due carabinieri, il maresciallo Domenico Geraci, già comandante della Stazione Carabinieri di Fara Novarese, e il collega Pasquale Caiazzo. Per le difese non esiste alcuna prova, non c’è nulla contro i loro assistiti, inoltre le vittime non sarebbero, sempre per le difese, «credibili».Mo.c.
Per saperne di più leggi il Corriere di Novara in edicola sabato 22 aprile

Articolo di: venerdì, 21 aprile 2017, 12:18 p.

Dal Territorio

In auto con due chili di hashish suddivisi in 20 panetti: in manette un 32enne

In auto con due chili di hashish suddivisi in 20 panetti: in manette un 32enne
GATTICO, Lunedì a Gattico, nel Novarese, i Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato M.O., cittadino marocchino residente nella zona del Verbano, classe 1986, già conosciuto dalle Forze dell’ordine. L’uomo è finito in manette per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Nel corso di uno dei quotidiani controlli alla(...)

continua »

Altre notizie

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto
NOVARA - Ultimo appuntamento del cartellone Opera e Balletto per la stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara.  Venerdì 23 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 16 andrà in scena "Nabucco" di Giuseppe Verdi, opera prodotta da Fondazione Teatro Coccia.   L’opera è diretta dal maestro Gianna Fratta (nella foto). Regia, scene, costumi e luci sono(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top