Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 23 settembre 2017
 
 
Articolo di: lunedì, 17 luglio 2017, 11:36 m.

Ospedale: tagliato lo stipendio ai medici

Da giugno per pagare colleghi assunti a rispetto delle norme europee

NOVARA - Gli stipendi dei medici in servizio all’ospedale “Maggiore” di Novara dal mese di giugno hanno subito una decurtazione per poter pagare colleghi di nuova assunzione. Questo a causa delle nuove disposizioni a livello nazionale del cosiddetto “decreto Madia” e per minori stanziamenti da parte della Regione Piemonte. 
Secondo quanto ricostruito l’azienda ospedaliera, a seguito del completamento del turn over  e l’incremento del personale per ottemperare a quanto previsto dalla Legge 161 del 2014 in materia di orario di lavoro, legge  che  recepiva la direttiva Ue, aveva costituito un fondo, a tal scopo. Fondo che non avrebbe però avuto la copertura per mancanza di trasferimenti da parte regionale. A quel punto si sarebbe resa necessaria la scelta di attingere agli stipendi dei medici in servizio per poter pagare i nuovi colleghi.
Una decisione che ha creato malumore nell’ambito dei circa trecentocinquanta  interessati al provvedimento. Diverse le segnalazioni arrivate in redazione, alcune fortemente polemiche. «Si vuole fare la Città della Salute e la Regione non riesce a coprire i costi del personale?».
In una riunione avvenuta il 19 maggio tra la direzione ospedaliera e le organizzazioni sindacali di categoria di Uil Medici, Cimo e Anpo  era stato annunciato, dopo aver anticipato la decisione, che vi sarebbe stato successivamente un nuovo incontro per la verifica della consistenza del fondo.
Sulla vicenda abbiamo sentito l’opinione del dottor Antonio Ramponi, responsabile provinciale del sindacato Cimo, organizzazione che in merito alla problematica, in data 5 giugno aveva inviato una lettera alle direzioni generale, sanitaria, e amministrativa dell’Azienda ospedaliero universitaria “Maggiore della Carità”. Il dottor Ramponi ha spiegato: «Come Cimo siamo ben coscienti del malcontento creato dalla decisione aziendale di ridurre la parte aziendale della retribuzione di posizione ed abbiamo a suo tempo inviato una protesta scritta. Purtroppo la combinazione tra la continua riduzione dei fondi contrattuali decretata da vari governi nel corso degli anni e le necessarie nuove assunzioni effettuate per l’applicazione della legge 161/2014 sui riposi, dopo lungo blocco del turnover, ha generato il paradosso per cui i medici si vedono ridurre la retribuzione per poter avere più normali condizioni di lavoro. Questo è l’effetto  “novarese” del gioco a rimpiattino tra governo, regione ed aziende sanitarie che pretendono dai medici ospedalieri aumento di prestazioni e di oneri burocratici, riduzione delle liste d'attesa,  elevata professionalità e specializzazione, applicazione continua, ma di fatto sottraggono loro risorse continuamente, come prospettato anche dai miseri stanziamenti per i rinnovi contrattuali. Sta soprattutto a governo e regione sciogliere il paradosso fornendo risorse adeguate al ruolo di preminenza che l'ospedale novarese ha guadagnato all'interno del Sistema sanitario nazionale».
Abbiamo sentito anche il direttore generale dell’Aou  Mario Minola  che ha spiegato: «L’adeguamento alle normative europee sull’organizzazione dell’orario di lavoro, l’applicazione del nuovo atto azienda e l’uscita della Regione Piemonte dal Piano di rientro, che tra l’altro, bloccava il turn over, hanno determinato la necessità di provvedere a nuove assunzioni. Nell’ambito della dirigenza medica, per esempio, è stato possibile ricoprire tutti gli incarichi di direzione di struttura complessa o struttura semplice e quelli di alta specializzazione che erano da tempo vacanti. Essendo il fondo contrattuale al momento immodificabile, la sua suddivisione ha portato a una riduzione delle cifre lorde individuali». 
Il provvedimento sarà in vigore fino al 31 dicembre e poi se arriveranno eventuali stanziamenti potrebbe esserre modificato.

Massimo Delzoppo

Articolo di: lunedì, 17 luglio 2017, 11:36 m.

Dal Territorio

Il Novara cede all’Avellino

Il Novara cede all’Avellino
NOVARA -  AVELLINO  1- 2   NOVARA:  Montipò, Golubovic, Troest, Chiosa, Calderoni, Moscati, Ronaldo (15’ st Da Cruz), Sciaudone, Di Mariano (1’ st Macheda), Maniero, Chajia (36’ st Sansone).  All.:  Corini.   AVELLINO:  Radu, Ngawa, Kresic, Migliorini, Rizzato, Laverone (33’ st Lasik), Paghera(...)

continua »

Altre notizie

Incidente in autostrada: ferito trasportato grave al Cto di Torino

Incidente in autostrada: ferito trasportato grave al Cto di Torino
NOVARA, Incidente stradale lungo l’autostrada A4 Torino-Milano, poco prima delle 13 di oggi, sabato 23 settembre, in direzione del capoluogo lombardo, ancora in territorio novarese.Il sinistro ha coinvolto un’autovettura e un mezzo pesante. Giunto sul posto, il personale dei Vigili del fuoco si è occupato di estrarre un ferito rimasto incastrato nell’auto e ha(...)

continua »

Altre notizie

Domenica a Novara la prima “Pedalata Cicli storici”

Domenica a Novara la prima “Pedalata Cicli storici”
NOVARA - Si svolgerà domenica 24 settembre la prima edizione della  “Pedalata Cicli storici”  organizzata dalla Pro loco Novara con il patrocinio del Comune e dell’Agenzia turistica locale della Provincia di Novara. La pedalata prevede il ritrovo in piazza Gramsci alle 8, quindi la partenza alle 9.30 per Olengo, Terdobbiate, Cascina Barzè,(...)

continua »

Altre notizie

Riso, «indispensabile essere uniti»

Riso, «indispensabile essere uniti»
SAN PIETRO MOSEZZO - «Siamo in un mercato ormai globale. L’Italia non è l’unico Paese che produce riso, e nemmeno l’unico che produce buon riso. Per questo dobbiamo imparare a “venderci” meglio e a mantenere una filiera che negli anni ha sempre saputo distinguersi per unità: solo così usciremo dal guado legato alla nuova politica agricola(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top