Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 23 settembre 2017
 
 
Articolo di: venerdì, 14 luglio 2017, 12:44 p.

Bancarella, da Novara a Pontremoli

Domenica la finale del Premio

Conto alla rovescia per il Premio Bancarella. Lo scorso marzo a Novara sono stati svelati i nomi dei sei autori che domenica 16 luglio si contenderanno a Pontremoli, in piazza della Repubblica, la vittoria finale. È stato un orgoglio ospitare la prima nazionale all’ombra della Cupola, nell’Auditorium “Fratelli Olivieri” del Conservatorio Cantelli dove i finalisti dell'edizione 2017, i vincitori del Premio Selezione Bancarella, sono stati presentati da testimonial novaresi. Eccoli i magnifici sei: un novarese, il libraio e scrittore Alessandro Barbaglia con il suo romanzo d’esordio, “La Locanda dell’Ultima Solitudine” edito da Mondadori; poi la cagliaritana Cristina Caboni, autrice de “Il giardino dei fiori segreti” (Garzanti); il padovano Matteo Strukul in gara con “I Medici” (Newton Compton); la veronese Valeria Benatti che ha scritto “Gocce di veleno” (Giunti); il napoletano Lorenzo Marone con “Magari domani resto” (Feltrinelli) e il sud coreano Jung Myung Lee (unico che non aveva potuto partecipare alla prima novarese) autore de “La guardia, il poeta e l’investigatore” (Sellerio). Con un evento di portata nazionale si rafforza così il legame tra Novara e il premio che ebbe nel libraio Ottavio Lazzarelli uno dei fondatori. Legame che negli anni passati si è tradotto in tante serate sotto le stelle con la presentazione degli scrittori in gara. «Un grande orgoglio per noi – aveva detto il sindaco Alessandro Canelli alla conferenza stampa a Palazzo Cabrino – perché inizia da Novara un percorso di avvicinamento alla finale del 16 luglio. La nostra città ospita il primo evento, seguito da altre tappe in Italia. Sarà l’occasione per conoscere i sei finalisti tra cui c’è il vincitore. Perché Novara? Perché la nostra città è un terreno fertile sotto il profilo delle politiche di promozione della lettura, grazie alla forte collaborazione tra vari soggetti e le iniziative delle librerie. Si sta costruendo una bella rete con rapporti solidi e consolidati. Sono le basi per un futuro sempre più proficuo». Il premio è organizzato dall’Unione Librai Pontremolesi e dall’Unione Librai delle Bancarelle insieme alla Fondazione “Città del Libro” nel cui cda c’è Roberto Lazzarelli, erede della storica famiglia di librai novaresi. 
Eleonora Groppetti

Articolo di: venerdì, 14 luglio 2017, 12:44 p.

Dal Territorio

Il Novara cede all’Avellino

Il Novara cede all’Avellino
NOVARA -  AVELLINO  1- 2   NOVARA:  Montipò, Golubovic, Troest, Chiosa, Calderoni, Moscati, Ronaldo (15’ st Da Cruz), Sciaudone, Di Mariano (1’ st Macheda), Maniero, Chajia (36’ st Sansone).  All.:  Corini.   AVELLINO:  Radu, Ngawa, Kresic, Migliorini, Rizzato, Laverone (33’ st Lasik), Paghera(...)

continua »

Altre notizie

Incidente in autostrada: ferito trasportato grave al Cto di Torino

Incidente in autostrada: ferito trasportato grave al Cto di Torino
NOVARA, Incidente stradale lungo l’autostrada A4 Torino-Milano, poco prima delle 13 di oggi, sabato 23 settembre, in direzione del capoluogo lombardo, ancora in territorio novarese.Il sinistro ha coinvolto un’autovettura e un mezzo pesante. Giunto sul posto, il personale dei Vigili del fuoco si è occupato di estrarre un ferito rimasto incastrato nell’auto e ha(...)

continua »

Altre notizie

Domenica a Novara la prima “Pedalata Cicli storici”

Domenica a Novara la prima “Pedalata Cicli storici”
NOVARA - Si svolgerà domenica 24 settembre la prima edizione della  “Pedalata Cicli storici”  organizzata dalla Pro loco Novara con il patrocinio del Comune e dell’Agenzia turistica locale della Provincia di Novara. La pedalata prevede il ritrovo in piazza Gramsci alle 8, quindi la partenza alle 9.30 per Olengo, Terdobbiate, Cascina Barzè,(...)

continua »

Altre notizie

Riso, «indispensabile essere uniti»

Riso, «indispensabile essere uniti»
SAN PIETRO MOSEZZO - «Siamo in un mercato ormai globale. L’Italia non è l’unico Paese che produce riso, e nemmeno l’unico che produce buon riso. Per questo dobbiamo imparare a “venderci” meglio e a mantenere una filiera che negli anni ha sempre saputo distinguersi per unità: solo così usciremo dal guado legato alla nuova politica agricola(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top